L'Ordinamento Didattico

Visite: 8868

REGOLAMENTO DIDATTICO

Dei Docenti

I docenti, notai e non notai, sono nominati dal Consiglio di Presidenza su proposta del Comitato Scientifico in un numero idoneo a coprire la pianta organica della Scuola.

I docenti notai durano in carica un anno. Non devono aver subito gravi sanzioni disciplinari, ancorché non definitive.
I notai incaricati non devono gestire, partecipare, organizzare scuole private e/o non istituzionali per la preparazione al concorso notarile né contribuire alle stesse a qualsiasi titolo e sotto qualsiasi forma.

I docenti non notai durano in carica un anno e sono scelti tra professori universitari, magistrati ed esperti in specifiche discipline.

I docenti che senza giustificato motivo non partecipano a due lezioni consecutive nelle quali è prevista la loro presenza decadono automaticamente dalla carica.

Degli Allievi

Sono ammessi a frequentare i corsi di preparazione della Scuola coloro che hanno conseguito una laurea magistrale in un’Università della Repubblica Italiana.

Quando particolari esigenze funzionali lo giustifichino il Consiglio di Presidenza potrà porre un limite al numero degli iscritti, stabilendo preventivamente i criteri di selezione.

La frequenza ai corsi e alle prove pratiche è obbligatoria e sarà oggetto di controllo secondo le modalità stabilite di volta in volta dal Consiglio di Presidenza. Essa costituisce elemento necessario per il rilascio degli attestati di frequenza. Il Consiglio di Presidenza rilascia, a suo insindacabile giudizio, il richiesto certificato ove ne ricorrano le condizioni.

Al termine del corso, gli allievi che abbiano conseguito l’attestato di frequenza, su loro richiesta da presentarsi entro la fine dell’anno accademico in corso, possono sostenere un esame di verifica dell’attività svolta che sarà oggetto di valutazione da parte di una Commissione designata dal Comitato Scientifico, composta da docenti della Scuola, scelti tra professori universitari, magistrati, esperti in specifiche discipline e notai.
Il Comitato Scientifico stabilisce i criteri di valutazione.
Superate le prove di esame, verrà rilasciato dalla Scuola il diploma.

Dei corsi di insegnamento

I corsi di insegnamento sono svolti in maniera da assicurare agli allievi una preparazione teorico-pratica.

Le materie di insegnamento sono quelle previste dal Comitato Scientifico, il quale potrà istituire, eventualmente, corsi di insegnamento relativi ad altre materie idonee alla formazione di giurista.

Per ciascun corso, dovrà essere designato un docente notaio, con compiti di Coordinatore, il quale dovrà svolgere attività di collegamento tra i docenti, gli allievi ed i Coordinatori degli altri corsi.

I docenti di ogni corso sono tenuti, all'inizio dell'anno accademico, a predisporre e consegnare alla segreteria della Scuola un programma analitico delle lezioni che verranno tenute nello stesso anno nonché delle loro modalità, secondo le eventuali indicazioni del Comitato Scientifico.

Sarà di competenza del Comitato Scientifico l’organizzazione dell’attività didattica della Scuola, nonché la richiesta di eventuali deroghe alla strutturazione dei corsi.
In particolare, il Comitato Scientifico all’inizio di ciascun anno accademico:

  • individua i singoli corsi, attribuendo a ciascuno di essi il relativo monte ore;
  • provvede al coordinamento didattico fra i vari corsi;
  • stabilisce il calendario e l’orario dei medesimi;
  • esamina, approva ed eventualmente propone la modifica del programma analitico delle lezioni predisposto da ciascun corso;
  • stabilisce le modalità di controllo della frequenza ai corsi degli allievi.

Oltre a quanto già contemplato dal presente Regolamento, spetta al Consiglio di Presidenza:

  • stabilire la pianta organica della Scuola;
  • ricevere e istruire, previo giudizio favorevole di idoneità, la domanda di ammissione dei docenti;
  • esercitare il controllo sull’attività dei docenti e degli allievi;
  • curare annualmente la predisposizione del questionario da sottoporre agli allievi, in ordine alle lezioni tenute nel periodo di riferimento;
  • confermare alla scadenza dell’anno accademico i singoli docenti.

[ShareThis]